Giornata nazionale dialetto e lingue locali Unpli

Si svolgerà a Casarsa della Delizia grazie alla Pro Loco un evento speciale in occasione della Giornata nazionale del Dialetto e Lingue locali, manifestazione organizzata dall’Unpli, l’Unione nazionale Pro Loco d’Italia. Venerdì 17 gennaio alle 11, in contemporanea con il resto della Penisola, nella medievale chiesa di Santa Croce, affettuosamente chiamata dalla comunità Glisiùt, la poetessa Anellina Colussi leggerà alcune sue poesie nella variante casarsese della lingua friulana dedicate proprio al luogo di culto. Inoltre verrà data lettura della lapide posta come ex voto dai casarsesi dell’epoca per la scampata invasione turca del 1499, preziosa testimonianza del parlare di un tempo nel paese che vide i primi componimenti poetici e di prosa di Pier Paolo Pasolini, il quale era molto legato a Santa Croce. L’evento, a ingresso libero, sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook della Pro Casarsa della Delizia. Il tutto in collaborazione con la Città di Casarsa della Delizia – Assessorato alla cultura e Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia.

“Si tratta del quarto anno in cui celebriamo la Giornata nazionale – ha spiegato il presidente della Pro Casarsa Antonio Tesolin -, un evento davvero prezioso per la tutela della memoria immateriale per il quale ringraziamo di cuore l’Unpli insieme ad Anellina Colussi, a cui vanno i nostri ringraziamenti, per la sua presenza e i suoi versi. Saremo all’interno di uno dei luoghi più simbolici per la storia casarsese, danneggiato dai bombordamenti della Seconda Guerra Mondiale ma poi recuperato, capace di unire passato, presente e futuro della nostra cittadina e che prossimamente vedrà un progetto di riqualificazione dei suoi preziosi affreschi opera dell’Amalteo grazie a una raccolta fondi che ha visto le donazioni di numerose persone”.

Queste le altre edizioni della Giornata a Casarsa: la roggia delle Miris’cis nel 2017, con le leggende legate alla presenza delle fate agane raccolte dal maestro Castellani e le poesie di Anellina Colussi; la chiesa di Sant’Antonio a Versuta nel 2018, fonte d’ispirazione per Pasolini stesso, con ancora i versi di Anellina Colussi; via Menotti nel 2019, una delle zone più antiche del tessuto urbano di Casarsa, omaggiando allo stesso tempo sia la genealogia della famiglia Colussi sia il gran lavoro del laboratorio didattico di poesia in friulano della scuola media Fermi di Casarsa.