Film evento 1/11 Non ne parliamo di questa guerra

Per ricordare 100 anni dalla fine Grande Guerra e i caduti del conflitto, tre eventi speciali a ingresso gratuito a Casarsa della Delizia e San Giovanni, che furono attraversate dal passaggio del fronte con gli austrotedeschi in ritirata e l’avanzata dell’esercito italiano dopo la battaglia di Vittorio Veneto nel novembre 1918: il 1° novembre proiezione speciale del film Non ne parliamo di questa guerra (teatro Pasolini ore 21); il 3 novembre prima assoluta dello spettacolo teatrale Sotto i colpi del Flagello nemico (teatro Pasolini ore 20.45) tratto, con giovani attori locali, dal diario ritrovato del parrocco di San Giovanni Monsignor Jop sugli eventi della Grande guerra (con il sostegno della Fondazione Friuli); il 10 novembre (sala Par San Zuan ore 17) presentazione dello stesso diario alla cittadinanza. Tutti gli appuntamenti sono organizzati all’interno del progetto Commemorazioni Prima guerra mondiale 2014-2018 dalla Pro Casarsa della Delizia e Città di Casarsa della Delizia insieme a Progetto giovani, Forum Democratico, Par San Zuan e Comitato regionale Pro Loco Fvg Unpli e al Servizio Civile. Per la parte teatrale, oltre alla citata Fondazione Friuli che sostiene la rassegna Teatro Luogo del Pensiero, collaborano anche Estragone teatro e Fita Uilt.

 

IL FILM
La rappresentazione teatrale come detto non sarà l’unico appuntamento che la Pro Casarsa della Delizia organizzerà a novembre in occasione dei cento anni dal termine della Grande guerra. Infatti giovedì 1 novembre alle 21 al teatro Pasolini si terrà un evento speciale: la proiezione gratuita del film documentario “Non ne parliamo di questa guerra” di Fredo Valla. Negli anni delle commemorazioni della Grande Guerra, questo documentario  narra le vicende di uomini che dissero “no” (disertori e ammutinati) e per questo furono giustiziati, disonorati, considerati vigliacchi. Un film che fa affiorare una visione altra del Primo Conflitto Mondiale. Un film per restituire dignità a coloro che trovarono il coraggio di dire no.