Galleria Sagra del Vino 2019
Cerimonia premi Cittadino dell’Anno

Toccante cerimonia nella sala consiliare di Casarsa della Delizia per la consegna dei tradizionali premi Cittadino dell’Anno, Giovane Talento e Diploma Humanitas. Riconoscimenti che Stefano Polzot, giornalista del Messaggero Veneto recentemente scomparso, aveva fondato e plasmato nel corso di questi anni come presidente delle associazioni Pro Casarsa della Delizia e Forum Democratico. A lui è andato il ricordo dei suoi successori alla guida delle due associazioni organizzatrici Antonio Tesolin (Pro Loco) e Pierluigi Rosa (Forum democratico), intervenuti in apertura di cerimonia insieme al sindaco Lavinia Clarotto. “Stefano – ha detto Tesolin citando anche il ricordo del presidente dell’Unione Industriali Pordenone Michelangelo Agrusti – era un amico geniale e molto amato”.

Come da format ideato da Polzot nelle precedenti edizioni, ogni premiato ha poi avuto modo di raccontarsi in un’intervista dedicata, mentre la scaletta è stata intervallata dagli intermezzi musicali alla chitarra dei maestri Fulvio Vardabasso e Luigi Pellissetti. I premi sono stati sostenuti anche da Città di Casarsa, Friulovest Banca e Comitato regionale Pro Loco e Servizio civile nazionale. Il premio da quest’anno è stato realizzato dalla Francescut Marmi su progetto della designer Claudia Contarin.

Corrado Colussi ha ricevuto il premio cittadino dell’Anno: nato nel 1967, ha respirato fin da piccolissimo la vita del paese nell’Osteria Agli Amici gestita dalla sua famiglia in piazza dal 1927. Con un lavoro appassionato svoltosi negli ultimi 6 anni, ha ricostruito grazie a intense ricerche d’archivio l’albero genealogico dei Colussi, la famiglia simbolo di Casarsa. “Per me – ha raccontato – è stato un lavoro che si può definire terapeutico, che mi ha permesso di superare alcune difficoltà e guardare al futuro”. Una ricerca che è stata resa nota quest’anno nella riunione record dei Colussi alla quale hanno partecipato 650 persone e che Corraso ha sintetizzato in una eccezionale mappa la quale mostra dove storicamente viveva ogni ramo dei Colussi nel paese di un tempo.

Il Premio Giovane Talento è stato consegnato a Daniele Angeli, classe 1991, a capo di una delle principali aziende in Italia per lo sviluppo di applicazioni per smartphone, tablet e soluzioni per l’industria 4.0, la Molo17. “Guardiamo con fiducia ai prossimi mesi – ha sottolineato – tanto che stiamo per aprire una nuova sede a Milano e assumere nuovi lavoratori”. Un bel messaggio di fiducia da parte di un giovane imprenditore.

Infine il Diploma Humanitas è stato assegnato a due realtà. I 25 volontari del progetto “Saluta il tuo vicino”, nato nel 2011: si tratta di vedette di quartiere che si prendono cura dei propri vicini anziani. Un progetto promosso per volontà della Commissione Anziani dell’Osservatorio sociale, col supporto della Città di Casarsa della Delizia e in collaborazione con il servizio sociale dell’Uti Tagliamento. A ritirare il premio a nome di tutti i volontari Silvana Ambrosio e Milvia Ripamonti, che hanno raccontato il loro impegno quotidiano che ha permesso anche di aiutare alcuni anziani in difficoltà.

Riconoscimento pure per la cooperativa sociale onlus Il Piccolo Principe. nata esattamente 30 anni fa sulla scia dell’esperienza dell’associazione di volontariato il Noce, arrivando attualmente ad avere 84 soci e un centinaio di lavoratori coinvolti nei suoi servizi a favore della comunità. “Oggi come allora – ha raccontato il presidente Luigino Cesarin – siamo fedeli al nostro motto ispirato al celebre romanzo di Antoine de Saint-Exupéry: “Non si vede bene che con il cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi”.