PRO CASARSA DELLA DELIZIA PRIMA IN REGIONE PER QUALITÀ DEGLI EVENTI E CAPACITÀ D’INNOVARE

PRO CASARSA DELLA DELIZIA PRIMA IN REGIONE PER QUALITÀ DEGLI EVENTI E CAPACITÀ D’INNOVARE
Primato nella classifica stilata dal Comitato delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia
Tesolin: “Un risultato che premia il grande e appassionato lavoro che portiamo avanti tutto l’anno”

Primato regionale per la proposta culturale, ricreativa e sociale della Pro Loco di Casarsa della Delizia: l’attività annuale dall’associazione casarsese è stato valutata la migliore del Friuli Venezia Giulia tra quelle di 178 Pro Loco nella classifica stilata dal Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia per accedere ai contributi delle legge regionale 2/2002. La Pro Casarsa ha totalizzato un punteggio di 89 punti sui 100 massimi ottenibili, a testimonianza della sua ricca attività a favore della comunità e del territorio.

“Si tratta di un risultato che non è frutto del caso – commenta Antonio Tesolin, presidente della Pro Casarsa della Delizia – ma di un costante e attento lavoro di segreteria che dura 12 mesi all’anno, con passione e impegno per contribuire a far conoscere il nome di Casarsa della Delizia a livello locale e nazionale, valorizzando le nostre eccellenze Pasolini e il vino attraverso vari eventi il cui culmine è la Sagra del Vino che si tiene ogni primavera. Ma la Pro Casarsa non è solo Sagra del Vino: siamo attivi anche nel cinema, teatro, scuola di musica, sport, selezione di spumanti  Filari di bolle, premio Cittadino dell’anno ed eventi sparsi lungo tutte le stagioni. Un successo che condivido con tutti i volontari della Pro Loco, cuore di questa grande famiglia che siamo diventati in questi 35 anni di attività. Ogni tanto qualcuno prova a criticare quello che facciamo senza motivo alcuno e solo per invidia: le loro parole passano, la Pro Loco resta”.

Nello specifico la Pro Casarsa della Delizia ha ottenuto il massimo punteggio in quasi tutte le voci che hanno contribuito al giudizio finale, dalla capacità di fare squadra con altri enti e associazioni alla storicità e qualità delle manifestazioni, dalla qualità amministrativa a quella della domanda di contributo, dall’innovazione alla presenza sui nuovi media digitali all’apertura al pubblico della sede.

“Segno di come – ha concluso Tesolin – la nostra è un’attività ad ampio raggio, capace di unire il meglio della tradizione locale con l’attenzione per le novità che permettono di aumentare ulteriormente l’appeal del territorio anche verso i turisti. Il traguardo di essere risultati primi non è la vittoria di un anno ma deve essere per noi l’obiettivo che vogliamo raggiungere sempre”.