Teatro Luogo del Pensiero novembre e dicembre 2016

Teatro Luogo del Pensiero novembre e dicembre 2016

Al via la nuova edizione della rassegna teatrale amatoriale “Teatro – Luogo del Pensiero” che tra novembre e dicembre proporrà tre interessanti spettacoli al teatro Pasolini di Casarsa della Delizia, per poi proseguire lungo il 2017.

La rassegna è organizzata dalla Pro Casarsa della Delizia insieme agli assessorati alla cultura e politiche sociali della Città di Casarsa della Delizia, Progetto giovani casarsese e Par San Zuan con il sostegno della Bcc Pordenonese, il patrocinio del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia e la collaborazione della compagnia Teatro Estragone e Fita Uilt.

In questa prima tranche sono stati programmati tre appuntamenti che raccoglieranno i favori di un ampio pubblico: si va dall’opera made in Casarsa per la regia della sangiovannese Norina Benedetti con i ragazzi delle scuole locali, alla commedia musicale  tratta da “Pigmalione” di Bernard Shaw fino alla commedia sentimentale in dialetto veneto.

“Si tratta di spettacoli – ha spiegato Antonio Tesolin, presidente della Pro Casarsa – che metteranno d’accordo pubblici diversi all’insegna del divertimento e del coinvolgimento emotivo. Invitiamo la comunità di Casarsa a partecipare numerosa per riaffermare il valore del teatro e dell’Arte a tutti i livelli, anche quello amatoriale. Ci rivolgiamo a tutte le fasce d’età: la novità di quest’anno è infatti il coinvolgimento dell’assessorato alle politiche sociali e del centro anziani comunale per aprirci anche la terza età nella proposta culturale, mentre nei prossimi mesi ci proporremo alle scuole dell’infanzia. Per gli studenti più grandi abbiamo invece la neonata compagnia “La meglio Cimiciù” con laboratori e spettacoli fatti, pensati e recitati dagli stessi ragazzi”.

Il primo appuntamento è in programma per sabato 12 novembre alle 21 quando andrà in scena lo spettacolo ad ingresso gratuito “Note sul mare. Voci sull’Oceano”. Si tratta dell’opera teatrale messa in scena dalla Compagnia La Meglio Cimiciù di Casarsa della Delizia, composta dai ragazzi del territorio che frequentano le scuole superiori per la regia dell’attrice sangiovannese Norina Benedetti che li ha seguiti nel loro percorso di formazione teatrale promosso dal Progetto giovani, progetto che quest’anno si rinnova con le scuole medie. Ambientata agli inizi del Novevento, racconta la storia dell’emigrazione e la ricerca di un futuro da parte di molti friulani al di là dell’Oceano.

Prima dello spettacolo, alle 20.45, verranno premiate le Compagnie teatrali partecipanti al Concorso, svoltosi tramite voto popolare, della rassegna Teatro – Luogo del Pensiero 2015-2016.

Il secondo appuntamento è fissato per sabato 26 novembre alle 21 con “Mai far la Lady”, divertente commedia musicale, liberamente ispirata all’opera di Bernard Shaw, “Pigmalione”, a sua volta fonte di ispirazione del film con Audrey Hepburn “My fair lady” e dell’altrettanto celebre musical con Julie Andrews. Originale la scelta di ambientare la vicenda, che ruota intorno al personaggio della giovane fioraia Elisa Dulitto, in una Venezia dei primi del Novecento al mercato di Rialto e in un palazzo sul Canal Grande. La scena delle corse di cavalli viene trasferita e rimodellata su un palco del Teatro La Fenice. Per la regia di Mauro Fontanini sul palco del teatro Pasolini ci sarà la Compagnia Collettivo Terzo Teatro di Gorizia. Il biglietto di ingresso è di 4 euro.

Infine, sabato 3 dicembre alle 20.45, l’ultimo appuntamento di questa prima tranche di spettacoli teatrali, con “Le serve al pozzo”, una commedia sentimentale in dialetto veneto per la regia di Stefania Felicioli. Il testo è di Giacinto Gallina (1852-1897) che lo scrisse ancora giovane nel 1873. La storia è ambientata in una Venezia di fine 800 provata dalle dominazioni. Viene raccontata la tipica attività quotidiana veneziana di attingere l’acqua al pozzo comune, dove s’intrecciano le vite di alcune serve incaricate dell’umile mansione. L’opera è messa in scena dall’Associazione culturale Tuttinscena di Camponogara (Venezia). Il biglietto di ingresso è di 4 euro.